Il Direttivo nazionale

Girolamo Foti

PRESIDENTE

SANDRO FRATTALEMI

         VICE PRESIDENTE        

MARCO VOTANO

SEGRETARIO GENERALE

COMPITI DEL DIRETTIVO NAZIONALE

Articolo 11  (Stralcio Statuto)

Composizione:

Il Consiglio Direttivo Nazionale è l'organo di direzione sociale organizzativa di L.R.M. nell'ambito delle decisioni assunte dall'Assemblea Nazionale e dal Comitato dell'esecutivo Nazionale, è convocato dalla Segreteria Nazionale di norma una volta l'anno o su richiesta dei 2/3 dei suoi componenti.

Salvo quanto previsto all'art. 12 del presente Statuto il Consiglio Direttivo Nazionale è composto da almeno un numero di 26 membri eletti, elevato ad almeno 39 in quanto ne fanno parte di diritto:

Un delegato designato da ogni singola Commissione di Categoria; Presidente e Segretario della Commissione di Inter-categoria;

I soci fondatori del Sindacato Libera Rappresentanza dei Militari; Presidente e Segretaria della Commissione donne in divisa.

La Segretaria del Comitato di Presidenza della Commissione interregionale donne in divisa

Funzioni:

Compete al Consiglio Direttivo Nazionale assicurare la tempestiva verifica delle linee di iniziativa e di azione di L.R.M. nonché il coordinamento delle strutture organizzative.

Al Consiglio Direttivo Nazionale che è parte integrante ed operativa del Comitato dell'esecutivo Nazionale, è altresì affidato il compito di approvare il bilancio consuntivo e preventivo;

Deliberare gli atti di ordinaria e straordinaria amministrazione, fatta eccezione per quelli inerenti l'acquisizione e la cessione di beni immobili che sono devoluti alla competenza del Comitato dell'esecutivo Nazionale.

Il Consiglio Direttivo Nazionale delibera gli atti ordinari e straordinari relativi alla gestione del patrimonio immobiliare;

Delibera, su proposta della Segreteria Generale, i criteri per la ripartizione delle quote sindacali a livello territoriale.

Elegge dal suo interno ovvero dal Comitato dell'esecutivo Nazionale i 9 membri della Segreteria Generale ove spetta almeno una Rappresentanza di genere femminile indicata dalla Presidente della Commissione donne in divisa fra le iscritte a L.R.M.;

Elegge dal suo interno ovvero dal Comitato dell'esecutivo Nazionale i 5 membri del Comitato Presidenziale ove spetta almeno una Rappresentanza di genere femminile indicata dalla Presidente del Comitato di Presidenza della Commissione interregionale donne in divisa;

Elegge, su indicazione dei Presidenti di Commissione di Categoria i 5 membri "uno per Categoria/Ruolo" della Commissione di inter-categoria;

Elegge, dal suo interno 1/3 dei membri del Collegio dei revisori dei conti; Elegge dal suo interno, 1/3 dei membri del Collegio dei Probiviri;

Elegge dal suo interno il Presidente Nazionale di L.R.M. Elegge dal suo interno il Segretario Nazionale di L.R.M.;

Elegge, su proposta del Presidente e del Segretario i Capi Dipartimento, indicati secondo criteri di meritocrazia e competenza nel settore di trattazione del costituendo Dipartimento;

Ratifica, su indicazione del Presidente Nazionale che individua all'interno del Comitato dell'esecutivo Nazionale, i 3 vice Presidenti aggiunti;

Ratifica, su indicazione del Segretario Nazionale che individua all'interno del Comitato dell'esecutivo Nazionale i 3 vice Segretari aggiunti.

Ratifica, su proposta della Segreteria Nazionale eventuali e successive forme di comunicazione.

Predispone, Ratifica, Delibera, su convenzioni con professionisti e privati, corsi di formazione professionale per i propri iscritti e loro familiari, collaborazioni e contributi di pensiero sulle tematiche riconducibili al comparto Difesa.

Vigila sull'utilizzo del nome e del simbolo dell'Associazione Sindacale Libera Rappresentanza dei Militari.

Articolo 12 Consiglio Direttivo provvisorio.

In via transitoria, al fine di garantire la costituzione e la funzionalità del sindacato viene istituita dai soci fondatori in via eccezionale la prima assemblea.

Essi rappresentano il Consiglio Direttivo Nazionale provvisorio, eleggono al loro interno il Presidente, il vice Presidente con funzioni di Segretario Amministrativo ed il Segretario Nazionale.

Il Consiglio Direttivo provvisorio ha analoghe prerogative e funzioni del Consiglio Direttivo Nazionale e del Comitato Esecutivo Nazionale di transizione.

Il Consiglio Direttivo provvisorio ha la durata massima di tre anni e non è prorogabile, tutti gli atti di nomina, ivi comprese le figure di Presidente, vice Presidente, Segretario Nazionale, sono da intendersi temporanee e decadranno, se non altrimenti designate, al termine dell'Assemblea Costituente e comunque allo scadere del trentaseiesimo mese dall'avvenuta costituzione dello stesso.